Gensil’s Weblog

Il blog con un occhio nero e l’altro blu

L’ora più solare per me (Alda Merini) giugno 28, 2008

Filed under: Uncategorized — gensil @ 7:41 am

L’ora più solare per me
quella che più mi prende il corpo
quella che più mi prende la mente
quella che più mi perdona
è quando tu mi parli.

Sciarade infinite,
infiniti enigmi,
una così devastante arsura,
un tremito da far paura
che mi abita il cuore.

Rumore di pelle sul pavimento
come se cadessi sfinita:
da me si diparte la vita
e d’un bianchissimo armento io
pastora senza giudizio
di te amor mio mi prendo il vizio.

Vizio che prende un bambino
vizio che prende l’adolescente
quando l’amore è furente
quando l’amore è divino.

 

LuNapoli giugno 18, 2008

Filed under: Uncategorized — gensil @ 7:44 am

Quasi quasi mi ci faccio consolare da questa città.

Quasi quasi mi lascio andare.

Mi lascio abbracciare da questa festa, cullare da questa luna con la sua striscia di nuvole.

Stasera sono rimasta bloccata per più di 2 ore nel bagno della stanza. Senza aria e, a tratti, senza luce, per evitare che la ventola coprisse le mie richieste d’aiuto. Inutili. Mi sono liberata da sola con un campioncino di profumo. La porta si è aperta e io grondavo di sudore..potrei scrivere un libro su quel momento.. Ora sono un pò rintronata. Non ho fatto molti gesti. Mi fanno male tutte le ossa e il fianco destro che sbattevo contro la porta.

E allora penso a tante cose, mi sono venute in mente tante cose, situazioni.

Trappole.

Libertà.

Ora sono libera di guardare questa luna splendida, guardare i tetti di Napoli. Si sentono risa e allegria e anche botti. L’Italia vince. Io sempre straniera con il cuore rigido in questa città senza misure. Ora no. Ora mi lascio andare alla sua vita, ai suoi suoni. Apro il cuore alle sue pulsazioni. Stasera non sono più estranea.

Stasera questa libertà me la godo e mi ci ubriaco.

Sempre e per sempre lotterò per non farla andare via.

Occhio nero